Distruggere le capacità tecnologiche ed energetiche del sistema di controllo

eb

La richiesta dell’ultimo articolo è stata un successo. È stato necessario aspettare quasi una settimana per vedere se l’energia e la coscienza combinate di tutti coloro che l’hanno unita alla stessa fossero sufficienti per poterla avviare, e una volta avviata, con quale potenza è stata creata e se quella potenza era abbastanza per limitare il movimento di Asimoss e Amoss e delle altre razze attraverso il pianeta e restringendoli solo al piano fisico, che è dove sono ora e dove, se non ci sono sorprese o non trovano alcun modo per spezzare le “forze” che si oppongono a loro, quando tentano a muoversi verso il piano eterico o mentale della Terra, dovranno restare fino a quando non riusciremo ad espellerli del tutto.

Questa situazione, di nuovo, dove ci porta? Per quanto questa possa essere una buona notizia, per l’essere umano questo può sembrare più un problema che altro, perché ora sono “confinati” al nostro piano “solido”, anche se leggermente al di là delle frequenze con cui possiamo vedere e con quali possiamo interagire, perché non possono “solidificarsi” oltre il piano 1.2, come abbiamo già spiegato in altre occasioni. Quindi questo piano “materiale” inizia ad essere un po’ più affollato e ora, per muoversi, devono farlo attraverso mezzi più “materiali” e seguendo alcuni dei limiti che lo spostamento nella materia impone a quelli che esistono in esso, dal momento che ci sono alcune regole della fisica e della struttura energetica di questo piano più denso in cui ci troviamo che si rompono facilmente nel piano eterico o mentale, ma che sono applicabili nel livello fisico. In altre parole, li forziamo ad abbassare le loro capacità di muoversi in libertà, con rapidità e con relativa tranquillità, li abbiamo portato via una parte della loro capacità di manipolare la struttura energetica del pianeta alla quale seguiva il processo di sigillare e tamponare le loro basi logistici e centri di riproduzione.

Quindi, come mi ha detto un paio di giorni fa una delle mie “guide”: “Non passa molto tempo prima che tu le veda espulse del tutto dal pianeta“, anche se “non manca molto” è relativo, e dipende sempre dal tiro e molla della fune di entrambe le parti, pero, almeno visto dai piani superiori, ci stiamo muovendo in avanti e andando nella giusta direzione.

Quindi andiamo con un’altra nuova offensiva da parte nostra per “circondarli” un po’ di più e renderli più complicati il controllo ed il dominio che oggi è ancora in essere sopra le strutture di potere che governano l’umanità.

Abbiamo spiegato diversi mesi fa che tutte queste razze comunicano, o lo hanno fatto, attraverso il loro inconscio collettivo “locale”, anch’esso presente sul piano mentale del nostro pianeta. Includo il termine “locale” perché tanto Asimoss, quanto Amoss, come il resto dei gruppi, continuano a collegarsi da un certo livello con l’inconscio collettivo globale della razza alla quale appartengono e che si trova ubicato nell’equivalente mentale nel loro pianeta di origine. Pertanto, qui avevano, poiché l’abbiamo già smontato come sapete, un inconscio collettivo locale per le loro comunicazioni, i loro trasferimento di informazioni e le loro esigenze operative. Visto che questo inconscio collettivo locale non è più così, Asimoss, e le altre razze, sono passati ad utilizzare mezzi tecnologici, che sono quelle che andiamo a smontare e distruggere con il lavoro di oggi.

La tecnologia Asimoss e Amoss è migliaia di anni avanti rispetto a qualsiasi cosa che noi possiamo immaginare sul pianeta. Tutto ciò che puoi sognare o che hai visto in qualche film o una serie di fantascienza per loro è uno strumento in più dei diversi strumenti e sistemi che possiedono per le loro esigenze e “routine di lavoro”. Avendo una capacità tecnologica così avanzata, possono eseguire manipolazioni a livello planetario, come quello che ho spiegato per cambiare la gravità di un intero pianeta per adattarlo alle proprie esigenze difensive, senza fare troppi sforzi. L’essere umano, si sorprenderà di ciò che si può fare con una tecnologia che non può nemmeno sognare che esiste, ne rimarrebbe piuttosto sorpreso vedendo quanto siamo lontani nella comprensione su come funzionano le leggi del tempo e dello spazio, dell’energia e della manipolazione della materia, della manipolazione e creazione della vita e della coscienza, dell’alterazione a volontà dell’avatar che usa, ecc.

Ma questo vantaggio tecnologico ha anche i suoi punti deboli, almeno per altre razze, gruppi o gerarchie che sono superiori a loro, e, specialmente analizzandoli dal punto di vista del nostro Sé Superiore, sono in luoghi ed hanno aperture attraverso i quali è possibile di spegnere, bloccare e disattivare. É il vantaggio che hai, contro alcune centinaia di membri delle cinque razze rimaste ancora sulla Terra, che più di 7500 milioni di Sé Superiori nel pianeta analizzano cosa fare per finire di espellerli, osservando da posizioni “atemporali” e “adimensionali” questo nostro “tavolo da gioco”.

Il punto debole di questo sviluppo tecnologico è che ha bisogno di enormi quantità di energia per funzionare, che estraggono principalmente dal nucleo eterico del pianeta, lo stesso posto che i livelli 3 e 4 dei circoli di potere sulla Terra usano anche per l’alimentazione energetica dei processi che li mantengono “facilmente” al controllo dell’umanità. Il nucleo eterico del pianeta è una fonte inesauribile di potere, sebbene Kumar non ne abbia mai autorizzato l’uso, e non lo proibì espressamente in nessun momento, con il quale, in una sorta di “zona grigia dei permessi”, sono stati collegati le strutture fisico-eterici per incanalare il flusso energetico necessario per far funzionare tutti i sistemi tecnologici dispiegati per il piano fisico, eterico, mentale ed il substrato astrale della Terra. Richiedendo la disconnessione di tutti questi sistemi, ed è ciò che faremo, si creerà un “blackout eterico” in tutta la tecnologia e nei sistemi che dipendono direttamente da questo sistema di alimentazione, qualcosa che, se qualcuno di voi ricorda la saga del film “Matrix”, è l’equivalente al estinguere la città o le città sotterranee che gli umani avevano e che scavavano nella Terra per usare il suo calore, energia e potenza per mantenere tutti i macchinari che li mantenevano in vita mentre combattevano contro le “macchine” della superficie. Film a parte, questo è il modo in cui i circoli di potere e le razze al comando si stanno principalmente alimentando, ed è quello che andiamo a disconnettere nel nostro prossimo passo.

Chi può eseguire questa richiesta se stiamo parlando di scollegare cavi, eliminare sistemi tecnologici e distruggere le fonti di alimentazione? Solo il pianeta può farlo, cioè Kumar, e può essere fatto solo da un gruppo altamente “potente” delle forze che la assistono, perché per essere in grado di lavorare in questo luogo della struttura della Terra e di procedere a smontare questo, non possiamo chiederlo a forze elementari o forze “basiche” della natura, poiché non hanno né capacità né potere per farlo. Tuttavia, il pianeta stesso può farlo da solo, l’equivalente di te che alzi una mano e la porti alla testa per cercare qualcosa che si è attaccato ad essa, perché Kumar può, da se stesso, estrarre ciò che non possiede il permesso di essere lì.

Ho un articolo in sospeso in cui cercherò di spiegare perché il pianeta, e tutte le forze che lo assistono, non sono stati coinvolti finora e hanno permesso che la situazione arrivi fin dove ci troviamo ora, perché, per molti, se queste iniziative fossero state prese decenni, o addirittura secoli fa, non saremmo in questa situazione, ma la visione planetaria su questo è diversa, essendo tutto un “gioco evolutivo” per diverse razze che cercano e avviano e continuano a sperimentare la “vita” e la Creazione in modi diversi, e, quindi, in sintesi, ciò che è stato permesso sulla Terra è stato permesso, ma, infrangendo, da parte degli Asimoss, tutte le regole del gioco ed avendo attraversando tutte le linee di demarcazione imposte dal proprio Logos planetario, la situazione cambia, e perciò ci è permesso di eseguire e richiedere tutto ciò che abbiamo fatto negli ultimi mesi. È un processo causa-effetto, azione-reazione in cui noi siamo o “portiamo con noi” la reazione e l’effetto alle cause che gli Asimoss mettono in moto rompendo e saltando le regole del gioco imposte da Kumar.

Pertanto, finalmente, la richiesta al nostro Sé Superiore, da eseguire una sola volta, per essere inoltrato al nostro Logos planetario è la seguente:

Chiedo al mio Sé Superiore di trasferire questa richiesta a Kumar, come Logos planetario, per essere eseguita con il mio permesso come parte dell’umanità con la massima immediatezza e con la massima potenza possibile. Chiedo che siano disconnessi, eliminati, rimossi e distrutti tutti i sistemi di alimentazione e sottrazioni energetica presenti nel nucleo fisico, energetico ed eterico della Terra che vengono utilizzati da Amoss, Asimoss, Zuls, Animiss, Alomiss, quelli conosciuti come i “Grigi” ed i membri dei circoli di potere sulla Terra che gestiscono l’umanità. Chiedo che si blocca il flusso energetico d’alimentazione di tutti i sistemi tecnologici, meccanici e materiali che utilizzano questa energia per poter funzionare. Chiedo che si distruggono tutti i canali ed i sistemi di alimentazione energetica che vanno dal nucleo planetario ai diversi depositi d’energia che queste razze possiedono in diversi punti della Terra, così come quelli che sono utilizzati dai livelli umani della struttura di potere della stessa. Chiedo che le forze che assistono il pianeta in questo compito lo eseguano con la massima priorità possibile per rendere completamente inutilizzabile tutta la tecnologia Asimoss, Amoss, Zuls, Animiss, Alomiss e dei “Grigi” e di distruggerla completamente. Chiedo ed autorizzo nel nome della mia appartenenza all’umanità affinché i diversi sistemi tecnologici di controllo ubicati al livello fisico, eterico, mentale e nel substrato astrale siano distrutti ed eliminati completamente in tutta la struttura della Terra. Grazie.

Con questo, vediamo ora come reagiscono Asimoss e compagnia, e speriamo che serva a ridurre ulteriormente il loro potere e le loro capacità operative.

Traduzione ed adattamento dall’articolo del 12 luglio 2019 del Blog di David Topì in italiano da Jens Auff’m Ordt (akashicproject.com).

Potrebbero interessarti anche...