Schema della struttura energetica di separazione tra le linee temporali

im

Mentre continuiamo a monitorare e ad aspettare che si finisca di completare la chiusura dei passaggi tra la linea temporale #33 e la linea temporale #42, processo al quale rimangono sempre meno giorni, credo che sia un buon momento per fare un diagramma e riassumere come si presenta la struttura del pianeta in questo momento nel quale è già stato completamente installato il “muro energetico” che separa entrambe le linee e che, nonostante sia ancora un po’ permeabile, permettendo il passo di quelli che sono nelle ultime fasi del cambio, già è praticamente consolidato e chiuso del tutto per il resto di persone completamente ancorate nella #33.

Se ricordate, abbiamo schematizzato varie volte la struttura delle due realtà o “Matrix” che convivono nel pianeta, una “Terra 7,8 Hz” sovrapposta a una “Terra 15,6 Hz”, quasi del tutto completa, ad eccezione del piano fisico. La struttura attuale in questo momento è come si vede nel diagramma seguente. Per quelli che accedono al blog dallo smartphone o hanno uno schermo dove non si veda bene il diagramma, qui lo potete trovare anche in pdf:

clip_image002

Così che ciò che è stato fatto è mettere un “muro energetico” tra la frequenza più alta della linea temporale #33 e la frequenza più bassa della linea temporale #42, separandole completamente di modo che:

clip_image004

Struttura del “muro energetico”

Questo “muro” o membrana è a sua volta ripartito su tre livelli della struttura attuale di 7,8 Hz: una membrana nel piano fisico, nella controparte energetica a livello del sottopiano 1.4, un’altra membrana nel piano eterico nel sottopiano 2.4 e un’altra membrana nel piano mentale nel sottopiano 3.4. Ciò fa sì che nessun corpo fisico (la parte energetica, vedere domanda #87), eterico o mentale possano così elevare o diminuire la vibrazione se i primi due stanno nella linea #33 o se i secondi stanno nella linea #42.

Spero già che nell’articolo seguente, quando il processo è’ completo e la chiusura è totale, poter cominciare con la nuova tappa di lavoro e guarigione che in questo momento è in pausa. Nel frattempo comincia anche il periodo di monitoraggio dei tentativi, di quelli che governano il sistema di controllo, per rompere queste barriere e altro; non è che crediamo che possano farlo, però coloro che ci assistono prenderanno tutte le precauzioni necessarie, ci si ricordi che fu installata anche una barriera nel sottolivello 5 della linea 42 che alla fine Draconiani, Annunaki e altri sono riusciti a forzare attraverso mezzi tecnologici per accedere alla stessa. Continuiamo a monitorare e ad aspettare la fine di questa ottava.

Traduzione dall’articolo del 9 gennaio 2019 del Blog di David Topì in italiano da Aureliana Nannotti (FB: CamminoIndaco) e rivisto Giorgia Muglia (giorgiamuglia.com).

Potrebbero interessarti anche...